Top life 24

GINKGO TOP – 30cps

Photoroom_20240318_120027
Photoroom_20240318_120027
Dosi Consigliate:
  • 1 cps/die prima dei pasti

N.B.: Ogni 4 settimane fare 1 settimana di sospensione

Scheda Riassuntiva:

Ginkgo Top è un prodotto interamente naturale in grado di assicurare nel tempo una ottimale funzionalità dell’apparato circolatorio.

Possiede numerose proprietà, fra le quali spiccano quelle antinfiammatorie e antiossidanti.

Indicazioni:
  • Vasculopatie generalizzate
  • Vasculopatie cerebrali
  • Problemi vascolari dell’anziano
  • trattamento della demenza senile
  • Protezione delle membrane dai radicali liberi
  • migliora le funzioni cognitive e la memoria nei pazienti al di sopra dei 50 anni
  • azione antiaterosclerotica
  • acufeni
  • riduce l’intensità, la durata e la frequenza degli attacchi vertiginosi
  • azione immunostimolante
Precauzioni:

Non indicato nei pazienti che assumono farmaci anticoagulanti. In questi pazienti consultare il proprio medico di fiducia.

Composizione: Gingko Biloba foglie, Gingko Biloba Estratto Secco Titolato al 24% di flavoni glicosidici, maltodestrine da mais.

Confezione 30 cps da 400 mg

Ulteriori Informazioni:

Le affezioni che colpiscono l’apparato circolatorio, sia a livello periferico che cerebrale, sono per l’uomo di oggi tra le più diffuse patologie. A forme gravi quali ictus, infarto, aterosclerosi cerebrale e morbo di Alzheimer si uniscono forme altrettanto preoccupanti quali ischemia arteriosa periferica, claudicatio intermittens, crampi, formicolii e molto altro altro ancora.

In ogni caso, anche al di fuori di queste vere e proprie patologie, una certa usura di tutto il sistema circolatorio si presenta nell’uomo dopo i 40 anni e nella donna dopo la menopausa, soprattutto quando concomitano  l’utilizzo di alcool, tabacco, stress quotidiano, aumento del colesterolo e/o dei trigliceridi e la presenza di diabete.

Possiede numerose proprietà, fra le quali sicuramente,spiccano quelle antinfiammatorie e antiossidanti. L’azione antiflogistica è ascrivibile ai ginkgolidi che sono in grado di inibire l’attività del PAF (fattore di attivazione piastrinico) che svolge un ruolo importante nei processi infiammatori e nelle variazioni della permeabilità vascolare.

L’attività antiossidante deriva invece  dai flavonoidi e derivati terpenici in esso contenuti. Queste molecole, oltre a prevenire la perossidazione lipidica, esplicano anche un’azione di “spazzini” dei radicali liberi (free radical scavenger). Il ginkgo sarebbe anche in grado di esercitare un’azione antiossidante diretta sul fegato e, quando  aggiunto alla terapia a base di aloperidolo in pazienti schizofrenici è in grado di aumentarne l’efficacia. Il Ginkgo:

  • ha un effetto protettivo sulla circolazione arteriosa, sulle vasculopatie generalizzate, cerebrali e degli arti
  • migliora le funzioni cognitive e la memoria nei pazienti al di sopra dei 50 anni
  • riduce l’intensità, la durata e la frequenza degli acufeni e delle sindromi vertiginose di origine vascolare