Top life 24

IPER 300 – 60cps

Photoroom_20240318_115428
Photoroom_20240318_115428

Scheda Riassuntiva:

Riequilibra il sistema neurovegetativo e i disturbi digestivi. Migliora il tono dell’umore. Antidepressivo.

L’Iperico è una importante pianta medicinale con azione psico-neuroimmunitaria.

All’iperico e in particolare al suo estratto secco sono attribuite importanti attività antidepressive confermate da diversi studi e trials e può essere indicato per il trattamento delle sindromi depressive di grado lieve-moderato.

Effetti collaterali:

  • possibilità di fotosensibilizzazione soprattutto in persone con la carnagione chiara
  • può ompromettere l’efficacia della pillola anticoncezionale

 

Composizione: Estratto secco di iperico titolato al 3% di iperforina

Presentazione: Flacone da 60 cps

Posologia consigliata:
  • 1-2 capsule al giorno (azione tonica)
  • 1 cps x 3 volte/die (effetto antidepressivo)

Maggiori dettagli:

All’iperico vengono attribuite proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti, antidepressive e ansiolitiche. In particolare, l’azione antinfiammatoria sembra sia dovuta all’ipericina e all’amentoflavone (un flavonoide) contenuti all’interno della pianta stessa.

L’attività ansiolitica viene esercitata attraverso l’attivazione del recettore per le benzodiazepine. Si ritiene che l’attività ansiolitica sia dovuta  alla sinergia di tuto l’insieme delle varie molecole che compongono l’estratto di iperico, piuttosto che alle singole molecole isolate.

Un discorso analogo può essere fatto per l’attività antidepressiva posseduta dalla pianta. Tale azione  deriva da  diversi meccanismi che comprendono l’inibizione del reuptake di noradrenalina, l’inibizione di alcuni tipi di recettori per la serotonina e la dopamina e l’inibizione del reuptake di GABA a livello presinaptico. Tutte queste attività sembrano derivare  da un’azione sinergica dei singoli componenti dell’estratto di iperico quali iperforina, ipericina, amentoflavone e rutina.

All’iperforina sono anche ascritte proprietà antibatteriche come quella nei confronti di alcuni ceppi di Staphylococcus aureus, compresi i ceppi meticillino-resistenti, o MRSA.

Diversi studi hanno poi evidenziato  le potenziali proprietà antitumorali dell’ipericina che potrebbe essere in grado di esercitare un’azione citotossica nei confronti di alcune tipologie di cellule maligne come quelle del tumore del colon.

L’azione immunostimolante dell’iperico sembra legata  al suo effetto antidepressivo e, in particolare, dagli effetti legati alla iperproduzione di catecolamine e dell’ormone della crescita (GH) indotto dalla dopamina. Il GH attiva la risposta dei macrofagi e l’aumento della sintesi degli anticorpi. L’aumento delle catecolamine determina poi una maggiore stimolazione dei linfociti B rispetto ai linfociti T.  

Infine la pianta potrebbe avere anche un certo effetto epatoprotettivo legato alla sua attività anti-infiammatoria.

Prodotti Correlati